Sappiamo anche costruire ponti

ponte

In un’epoca in cui il Sommo Pontefice vuole onorare questo suo titolo invitando a costruire ponti e le imprese italiane sono avviluppate in un’intricata storia di mancati controlli e mancate manutenzioni, rilanciamo dal Corriere del Mezzogiorno questa pagina di esaltazione dell’ingegneria napoletana che parla del ponte sul Garigliano, progettato e realizzato dall’ing. Giura. In coppia con il suo gemello costruito sul Calore ad Amorosi questi ponti strallati in ferro celebrarono senza problemi i loro (primi) cent’anni di vita. Ci volle la seconda guerra mondiale, e la malasorte di trovarsi proprio sulla linea Gustav, che andava dalla foce del Garigliano a quella del Sangro passando per Cassino, per veder andare giù l’impalcato del primo.  Continua a leggere

Annunci

All’attenzione del Ministro della Famiglia

Sottoponiamo all’attenzione del Ministro della Famiglia on. Fontana, decisamente silenzioso nel periodo estivo, quanto accaduto all’ASL NA 1 nell’ultimo mese. A coronamento della sua meritoria opera l’associazione Parrocchia per la Vita era riuscita ad ottenere, a titolo assolutamente gratuito per l’ASL, un locale nell’Ospedale Loreto Mare ed un locale nell’Ospedale S. Paolo per provare ad esercitare opera di informazione ed consulenza in materia antiaborto, ai sensi della famigerata Legge 194.  Non appena la DELIBERA 1713 era diventata di pubblico dominio si è scatenata una ben orchestrata campagna di stampa sui quotidiani cittadini, con lo scopo deliberato di fare pressione sugli organi dirigenti dell’ASL, da parte di persone a cui non si poteva dire di no, per il ritiro della delibera stessa.

Continua a leggere

Auguri Auguri Auguri

IMG_20180905_183301825

Tempi grami, dirà il solito pessimista. Ebbene, anche in questi tempi grami siamo riusciti a trovare qualche bella notizia, che ci spinge a fare i nostri migliori auguri.

  • Auguri a Lino, che è diventato nonno ancora una volta, con la nascita della piccola Martina, sentinella in pectore
  • Auguri a Gennaro, che domani assisterà al battesimo della nipotina Azzurra, altra sentinella in pectore
  • Auguri alle cittadine napoletane, che finalmente troveranno un presidio pro life in due abortifici cittadini

Quest’ultima notizia merita qualche approfondimento. Sul Mattino di domenica 2 settembre è comparso il trafiletto su riportato, un pò criptico a dire il vero, in cui si capisce solo che c’è stata una convenzione tra la ASL 1 e l’associazione Parrocchia per la vita. Abbiamo approfondito, recuperando la delibera e il relativo allegato, in modo che ognuno possa farsi la sua idea. Continua a leggere

S. Michele della Tradizione (con sorpresa finale)

Sabato 11 le Sentinelle Vesuviane si sono associate all’annuale appuntamento del Pellegrinaggio della Tradizione a Pizzo S. Michele. I partecipanti, provenienti dalle province di Avellino, Napoli, Caserta e Salerno non si sono fatti spaventare da qualche piccolo contrattempo iniziale, come il traffico da bollino nero che ha bloccato un’auto sulla A30, o un navigatore fuori di testa che ne ha spedita un’altra a Pontecagnano. Continua a leggere

San Dismas aveva capito tutto

lotto-crocifissione-2

Il Padreterno, che nel suo piano di redenzione aveva esplicitamente previsto la condanna a morte del proprio Figlio da parte dell’autorità civile, difficilmente avrebbe potuto comprendere come il di Lui Vicario avrebbe bollato quest’atto come “un attentato alla dignità e inviolabilità della persona”.
Analogamente in tantissime occasioni la pena di morte si è rivelata parte di un piano provvidenziale per far entrare il reo, vero o presunto che fosse,  nella leggenda o nella santità, da Antigone a Socrate, Corradino di Svevia, S. Giovanna d’Arco, S.Tommaso Moro, Girolamo Savonarola, Frà Diavolo, Josè Antonio, Robert Brasillach.
San Dismas, il buon ladrone crocifisso alla destra di Gesù, l’unica anima di cui abbiamo certezza che sia in Paradiso, guadagna la beatitudine eterna riconoscendo nel Vangelo di Luca la giustezza della sua pena.
Non più tardi di settanta anni fa, tra il referendum del ’46 e la promulgazione della Costituzione nel ’48, giudici democristiani cattolici convinti mandavano a morte i loro inquisiti in perfetto accordo con la loro coscienza e con quella dei loro consiglieri spirituali
In materia restano insuperate e insuperabili le parole di Romano Amerio nel suo Iota Unum, che riuscii ad acquistare nell’edizione Ricciardi in una nota libreria cattolica solo a condizione che non rivelassi il luogo dell’acquisto:

“La pena capitale diventa barbara in una società sreligionata che, chiusa nell’orizzonte terrestre, non ha diritto di privare l’uomo di un bene che è per lui tutto il bene”.

Sentinelle sempre in linea

Se Massimo Gandolfini titola il suo ultimo messaggio “La famiglia non va in vacanza“, le Sentinelle Vesuviane non sono da meno. Sabato scorso erano a Montevergine per il pellegrinaggio organizzato dal Coetus fidelium «San Gaetano e Sant’Andrea Avellino», unendo l’utile della Messa V.O. In Visitatione BMV celebrata da Don Roberto Spataro (e siamo pronti a scommettere che era una primizia per questo secolo sul Monte Partenio) al dilettevole di una temperatura che non raggiungeve i venti gradi, mentre giù al piano si arrostiva con trentatre e passa.
Il prossimo appuntamento è per sabato 11 agosto, con l’annuale ascensione a piedi ai millecinquecento  metri della Chiesa di S. Michele Arcangelo sull’omonimo Pizzo nel comune di Fisciano, dove la S. Messa, naturalmente V.O., sarà celebrata dai canonici dell’ICRSS.
Resta sempre alta la vigilanza sul fronte etico, dove come spesse volte accaduto in passato si tenterà di approfittare delle vacanze estive per far passare qualche leggina o qualche emendamento a noi sgradito, come le terapie sperimentali proposte dal Comitato Nazionale di Bioetica o quel capolavoro di ipocrisia della Regione Lombardia in materia di anticoncezionali.

Rovistando nella spazzatura

IMG_20180723_211950464

Recuperato un esemplare domenicale di Avvenire nel mucchio delle copie parrocchiali invendute e destinate al macero ( e qui il diavoletto custode mi tirava per la manica: “Guarda come il mucchio cresce di domenica in domenica”), due articoli hanno attirato la mia attenzione.
Uno era la lettera di un onesto sacerdote della Diocesi di Anagni, che difendeva Humanae Vitae citando Familiaris Consortio, Veritatis Splendor e CCC. Fatica vana, perchè mentre apparentemente il giornale applicava il metodo delle parti uguali, (e chi si è formato in materia di controinformazione leggendo quell’autentico capolavoro che è “Il montaggio”  di Vladimir Volkoff sa bene di cosa parlo), in realtà applicava il metodo delle parti diseguali concedendo il 90% della pagina ai relativizzatori di HV e solo il 10% al caro Don Bruno. Continua a leggere

Trasferta pugliese

Domenica scorsa le Sentinelle Vesuviane erano a Modugno, un grosso centro in provincia di Bari di quasi quarantamila abitanti a recitare un Rosario riparatore per tutti i Pride nazionali di questi giorni. L’evento era organizzato da una mezza dozzina di ragazzi di ProFamiglia, con la collaborazione degli Apostoli di Maria e del Cammino Neocatecumenale locale. Continua a leggere